PAROLANTOJ DE LA MONDO, KUNIĜU!
(Speakers of the World, Unite!)

ONGOING PROJECT
started in 2021
different media:
Union Flag: acrylic fabric, print / handmade embroidery, 150 x 100 cm
Anthem: color, sound, ‘2:25’’
Public interventions in public space: photo and video documentation

In collaboration with Andrea Steves and the Esperanto Museum in Vienna.

EN

Introduction:

The following project is part of a broader research that started in 2019 (see Der Euro des Kaukasus and Portrait of Europa) and it’s referred to transnational identity and common symbols of the European Union.
This body of works aims at explore the symbolic imagery that could identify the European Union. The difficulties and limits of such elements within the EU arise from a number of complex factors that can be mainly traced to the deep-rooted historical and political identity of each individual nation on the European continent.
Dealing with a theme of national identities and its common imaginary from an artistic point of view is something that happen with regularity in the past centuries. Artists, musicians, designers and architects has been often involved by governments and religious authorities to define identity issues relating to communities -while in some cases, work of artists has been adopted retrospectively for this purpose-. Those works have in many cases become a reference for the masses that has spanned centuries establishing common and collective imaginaries1.
The European Union, being in fact recently constituted and encompassing for its natural characteristic and constitution different cultures and states, cannot count on a clear and defined symbolic identity.
My research does not intend to be a critique or real solutions to these problems, indeed it does not even intend to consider them as such. However, my approach is aimed at asking questions about an objective and contemporary situation which, sooner or later, is bound to emerge.


Project description:
Parolantoj de la mondo, kuniĝu! (Speakers of the World, Unite!) is a long-term project that imitates the modalities of an ideological/political movement, formalized through different media and forms.
The UK’s official exit from the EU in 2020 (Brexit) removed the sole native English-speaking country from the map, casting the continued use of English as de facto language in the EU as a paradox which clearly reflects a historical imperialist and globalist structure.
Developed in collaboration with the Esperanto Museum in Vienna and the US curator and artist Andrea Steves, each component of the work speculates on Esperanto as a neutral, common language2: an alternative to the the global and European adoption of English, to lead greater social and political inclusion. Reflecting linguistic imperialism and its drifts, and division through language, Parolantoj de la mondo, kuniĝu! positions the current moment as one in which the countries of the continent of Europe (UK included) could find a new transnational linguistic identity.


1 One of the best known examples is the Statue of Liberty by French sculptor Frédéric Auguste Bartholdi.
2 Esperanto is the world’s most widely spoken constructed international auxiliary language. Created by Polish ophthalmologist L. L. Zamenhof in 1887, it was intended to be a universal second language for international communication.
Built up by crossing all the languages of the European continent, Esperanto is in fact the only transnational language of the European continent. One of the key principles of Esperanto is democracy and peaceful cooperation between states. The fact that it is an artificial language makes it de facto stateless, which makes it an inclusive language as it places everyone on the same level of knowledge.

IT

Introduzione:

Il seguente progetto fa parte di una ricerca più ampia iniziata nel 2019 (vedi Der Euro des Kaukasus e Portrait of Europa) che riguarda linguaggi e simboli identitari transnazionali dell'Unione Europea.
La ricerca é finalizzata ad indagare i limiti e le possibilità dettate dalla necessità o meno di trovare un'immaginario simbolico comune che identifichi il territorio europeo. Le difficoltà di riconoscere tali elementi all'interno dell'EU nascono da molteplici fattori complessi che possono essere principalmente ricondotti alla radicata identità storica e politica di ogni singola nazione del continente europeo.
Artisti, musicisti, grafici ed architetti infatti, sono spesso stati chiamati in causa da governanti e autorità religiose per risolvere o definire problemi identitari relativi ad una o più collettività, altre volte invece, il loro lavoro é stato adottato a posteriori a tale scopo. Queste opere sono diventate in molti casi un riferimento riconosciuto alle masse che ha attraversato secoli stabilendo immaginari comuni e collettivi1. L'Unione Europea, essendo di fatto costituita recentemente ed inglobando per sua naturale caratteristica e costituzione differenti culture e stati, non può contare su una chiara e definita identità simbolica. La mia ricerca non intende essere una critica o delle reali soluzioni a questi problemi, anzi, non intende neanche considerarli come tale. Tuttavia il mio approccio é volto a porre delle domande su una situazione oggettiva e contemporanea che prima o poi, sarà destinata ad emergere.

Descrizione del progetto:

Parolantoj de la mondo, kuniĝu! (Speakers of the World, Unite!) è un progetto a lungo termine che imita le modalità di un movimento ideologico/politico, formalizzato attraverso diversi media e forme.
L'uscita ufficiale del Regno Unito dall'UE nel 2020 (Brexit) ha rimosso l'unico paese madrelingua inglese dalla mappa, gettando il continuo uso dell'inglese come lingua de facto nell'UE come un paradosso che riflette chiaramente una struttura storica imperialista e globalista.
Sviluppato in collaborazione con il Museo dell'Esperanto di Vienna e la curatrice e artista statunitense Andrea Steves, ogni componente del progetto specula sull'esperanto come lingua neutrale e comune2: un'alternativa all'adozione globale ed europea dell'inglese, per condurre una maggiore inclusione sociale e politica. Riflettendo l'imperialismo linguistico e le sue derive, e la divisione attraverso la lingua, Parolantoj de la world, kuniĝu! posiziona il momento attuale come quello in cui i paesi del continente europeo (Regno Unito incluso) potrebbero trovare una nuova identità linguistica transnazionale.


1 Uno degli esempi più noti è la Statua della Libertà, realizzata dello scultore francese Frédéric Auguste Bartholdi.
2 L'esperanto è la lingua ausiliaria internazionale costruita più diffusa al mondo. Creato dall'oculista polacco L. L. Zamenhof nel 1887, doveva essere una seconda lingua universale.
Costruito incrociando le radici delle principali lingue europee, l'esperanto è di fatto l'unica lingua transnazionale del continente. Uno dei principi chiave dell'esperanto è la democrazia e la cooperazione pacifica tra gli stati. Il fatto che sia una lingua artificiale la rende di fatto apolide, il che la rende una lingua inclusiva in quanto pone tutti sullo stesso livello di conoscenza.


Plan of the island of Utopia, 1518. From Utopia, Thomas More's work depicting an
ideal state where reason ruled, first published in 1516.



The flag of Esperanto
Verda Stelo“ (Green Star) 


Union Flag:
Is a speculative flag that represents a stateless language, not tied to any territory, any cultural or imperial heritage.
Visually, the flag contains the green stars of Esperanto, which replace the yellow stars of the EU flag, encircling a small island center of the flag, emblematic of Utopia (inspired by Thomas Moore).
The flag also bears the title of theproject in Esperanto: Parolantoj de la mondo, kuniĝu! (Speakers of the world, unite!).



Union Flag:
Una bandiera speculativa che rappresenta una lingua senza stato, non legata a nessun territorio, a nessuna eredità culturale o imperiale.
Visivamente, la bandiera contiene le stelle verdi dell'esperanto, che sostituiscono le stelle gialle della bandiera dell'UE, che circondano una piccola isola al centro della bandiera, emblema di Utopia ed ispirata all’opera di Thomas Moore.
La bandiera riporta anche il titolo del progetto in esperanto: Parolantoj de la mondo, kuniĝu! (Parlatori del mondo, uniti!).




Union flag, is a synthesis of the European flag, the Esperanto flag and a personal interpretation of the island of Utopia.



Parolantoj de la mondo, kuniĝu!
Union Flag, 2021



Anthem:
A video loop in which a performer (Frans Poelstra) sings the EU Anthem -An die Freude- in Esperanto. The video restages an action taken by the irish Esperantist politician Seán Ó Riain in October 2019: During a symposium convened at the Österreichischen Nationalbibliothek in Vienna for the 90th anniversary of the Esperanto Museum, O’Riain concluded his talk by spontaneously singing the European anthem in Esperanto in front of the audience.
The video has been shot in the Italian Culture Institute of Vienna.



Inno: 
Un video in loop in cui un performer (Frans Poelstra) canta l'inno dell'UE -An die Freude- in esperanto. Il video si ispira a un'azione compiuta dall'esperantista e diplomatico irlandese  Seán Ó Riain nell'ottobre 2019: durante un simposio convocato alla Österreichischen Nationalbibliothek di Vienna per il 90° anniversario del Museo dell'Esperanto, O'Riain ha concluso il suo intervento cantando spontaneamente l'inno europeo in esperanto davanti al pubblico.
Il video è stato girato nell'Istituto Italiano di Cultura di Vienna.


Parolantoj de la mondo, kuniĝu!
Anthem, 2021



Parolantoj de la mondo, kuniĝu!
Anthem, still from video, 2021

Billboards:
This component of the work exploits the channels of mass communication, using common advertising billboards to draw attention to the project’s central questions of language neutrality, linguistic imperialism, and diplomatic relationships. The intervention, will consist of billboards installed in the main cities of Europe. The billboards will feature text in Esperanto stating the 1st point of the Prague Manifesto of 1996 (with translations for host cities, i.e. English for London, German for Vienna and so on...):


(Democracy) condemns the injustice caused by the division between those who must learn a foreign language as an obligation, having to invest years of study (e.g., in order to be able to work), and the natives... who can devote such energies to study in other fields of knowledge. Prague Manifesto, point 1


Manifesto: 
Questa componente del progetto sfrutta i canali della comunicazione di massa, utilizzando comuni cartelloni pubblicitari per attirare l'attenzione sulle questioni centrali: neutralità della lingua, imperialismo linguistico e relazioni diplomatiche. L'intervento consisterà in cartelloni installati nelle principali città d'Europa.
Ogni manifesto conterrà un testo in esperanto, che riporta il 1° punto del Manifesto di Praga del 1996 (con relative traduzioni per le città ospitanti, ad esempio inglese per Londra, tedesco per l'Vienna e così via...):


(Democrazia) condanna l'ingiustizia causata dalla divisione tra coloro che devono imparare una lingua straniera come obbligo, dovendo investire anni di studio, ed i nativi che possono dedicare tali energie nello studio in altri ambiti di conoscenza. Manifesto di Praga, punto 1




Billboard in Vienna (rendering)


Billboard in London (rendering)