Migrant

Gold-plated meteorites, iron structures, concrete, plexiglass.  
130 x 30 x 30 per each
2017 - 2018
 
EN


Migrant consists in a series of gold-plated meteorites, a metal core that came from the sky at an unknown place in time and space. Its shape resulted from the impact with the earth’s atmosphere thousand of years ago.
As a result of the collision, the meteor testifies to an event that altered the enviroment where it took place. 
The gold coating is the result of the process of galvanization. This technique that allows to cover -and protect- a not precious metal with a thin layer of gold, exploiting the electrolytic deposition.



IT

Sfruttando il potenziale evocativo generato dal colore e dal materiale, “Migrant” è un prezioso nucleo di metallo arrivato dal cielo da punto imprecisato nel tempo e nello spazio. La sua forma è il frutto dell'impatto con l'atmosfera terrestre.
La forma del meteorite è il risultato dello scontro con la superficie terrestre avvenuta circa 4.000 anni fa. Il momento dell’impatto resta imprecisato, ma la forma e i segni presenti su di esso sono la prova tangibile dell’evento.
Il rivestimento in oro è il risultato del processo di galvanizzazione, tecnica che permette di ricoprire -e proteggere- un metallo non prezioso con un sottile strato d’oro sfruttando la deposizione elettrolitica.





Migrant, Installation view at La caduta degli Dei, Galleria Michela Rizzo, 2019






Migrant + RIOT:, Installation view at La caduta degli Dei, Galleria Michela Rizzo, 2019


Ryts Monet in collaboration with Fabio Roncato, ON THE LINE OF THE HORIZON
site speci c installation at Jac. P.Thijsse Lab green house Jan Van Eyck Academie open studios 2017, Maastricht, NL